In arrivo contributi per l’ammodernamento degli impianti elettrici in condominio

Il 13 Novembre ARERA ha pubblicato un comunicato stampa in cui annuncia un contributo per promuovere il rinnovo dei vecchi impianti elettrici interni ai condomini, per migliorarne sicurezza ed efficienza, con rimborsi al condominio per i lavori edili effettuati, fino a 1200 euro per appartamento coinvolto e fino a 900 euro per ogni piano.

Si tratta di una procedura sperimentale per l’ammodernamento delle “colonne montanti” vetuste negli edifici condominiali più datati.

La fase sperimentale durerà 3 anni, dal 1° Gennaio 2020 al 31 Dicembre 2022, per l’ammodernamento degli impianti realizzati prima del 1970 o nella fascia tra il 1970 ed il 1985 se ritenuti critici.

Il contributo sarà erogato se i lavori edili vengono svolti direttamente dal condominio, differenziato in relazione al tipo di finitura, andando dai 400 ai 600 euro per piano e dai 700 ai 900 euro per utenza.

Gli importi sono aumentati (da 700 a 900 euro per piano e da 1000 a 1200 euro per utenza) se, in occasione dei lavori sulla colonna montante, il condominio decide anche di centralizzare tutti i misuratori in un unico vano. Si aggiungono poi 100 euro al metro (fino a un massimo di 1500 euro) per l’eventuale parte di cavo destinata a collegare la colonna montante con il confine di proprietà.

Questo sito non usa direttamente cookies, ma alcune terze parti possono utilizzare cookies e raccogliere informazioni su chi naviga su questo sito.

1
Benvenuto! Sentiti libero di contattarmi via Whatsapp!
Powered by