Torino – Una condanna per omofobia in condominio

Riprendo la notizia da un pezzo pubblicato il 29 Marzo dall’edizione torinese di “Repubblica.it” a firma Ottavia Giustetti che potete leggere cliccando qui. Un anno con sospensione condizionale della pena e risarcimento di 5000€ per ciascuno dei due condomini perseguitati per un anno e mezzo tra il 2013 ed il 2014 è il prezzo che deve pagare (per tribunale di primo e di secondo grado) un “sobillatore” di un “condominio omofobo”.

La persona che “esercitava un potere di fatto nell’ambito del condominio” usava questa sua posizione per condurre con l’appoggio degli altri condomini una battaglia contro due giovani fidanzati (oggi ex). Per lui il PM aveva chiesto una pena di otto mesi di reclusione, ma il giudice è stato di diverso avviso ed ha optato per una pena più pesante che è stata confermata in secondo grado proprio in questi giorni nei quali si parla tanto di famiglia e coppie in relazione ad un evento internazionale a Verona. 

Share: